Soci

Sommelier e Mastro coppiere.

L’interesse che fin dagli anni ’90 si è avuto per il mondo del vino italiano, ha fatto si che si aprissero tanti wine bar, e che molti ristoranti anche non di grande livello, prestassero attenzione a questo prodotto, per cui oggi è molto difficile sentirsi dire dal cameriere “Bianco o Rosso?”.
Parallelamente si sono sviluppati corsi di formazione alla fine dei quali il partecipante viene nominato “degustatore” o “sommelier”, con un diploma o una spilla. Moltissimi così si sentono in dovere di parlare di vino, ma pochi con reale cognizione di causa.

Il sommelier innanzitutto è una professione. Sommelier è colui che in una azienda di ristorazione, in una enoteca o in una cantina, come dipendente, proprietario o consulente, si occupa del servizio, dell’approvvigionamento, della conservazione del vino, utilizzando le proprie conoscenze tecniche e organolettiche. Se il posto di lavoro lo permette si occupa del corretto abbinamento con i cibi proposti dalla cucina. Negli ultimi anni anche la professione del sommelier ha subito una evoluzione che lo ha visto occuparsi di promozione del vino (sommelier comunicatori), di tutte le bevande che possono essere servite in un ristorante o vendute in un negozio (acqua, birre, fermentati, distillati, tisane, thè, caffè, ecc.), di servizio dei sigari e di ospitalità in genere.

Per questo, e per onore della verità, i sommelier di ASPI sono esclusivamente coloro che lo fanno per professione. Tutti coloro professionisti e non, che intraprendono un percorso di formazione arrivando a determinati livelli di preparazione, diventano Mastri Coppieri (esame di secondo livello), e solo i professionisti del settore possono diventare sommelier con un esame apposito.

La crescita professionale della figura del sommelier sarà naturalmente la premessa per la promozione della cultura del vino, delle bevande e del cibo nei confronti del grande pubblico col quale il sommelier contemporaneo ha un confronto quotidiano. In molti tra i più prestigiosi ristoranti italiani è presente un nostro professionista, che si distingue per classe, stile e conoscenza della professione.

Da statuto ASPI ecco le categorie di soci:

- Sommelier - La qualità di Sommelier (professionista) - socio attivo - è attribuita, a discrezione del Consiglio d'Amministrazione, con il parere favorevole del Comitato Professionale, a qualunque persona fisica, sommelier professionista che eserciti l'attività o che sia in pensione avendo esercitato la professione di sommelier, e che partecipi attivamente alla realizzazione dell'oggetto dell'Associazione. - Tesseramento € 80 annui

- Aspirante Sommelier - La qualità di Aspirante Sommelier è attribuita ai giovani studenti di sommellerie nei corsi di specializzazione per sommelier che abbiano una età compresa tra i 18 ed i 26 anni. Potranno passare nella categoria dei Sommelier quando ne avranno maturato il diritto. – Tesseramento € 40 annui

- Mastro Coppiere - La qualità di Mastro Coppiere è attribuita a tutti coloro che pur non esercitando la professione del sommelier sono in possesso di un attestato di frequenza in uno dei corsi organizzati dall’associazione, e intendono farne parte poiché ne condividono gli obiettivi. La sezione è dedicata al sempre più ricco e variegato mondo degli appassionati di vino, persone che non praticano la professione del sommelier ma che si occupano della promozione della cultura del vino sia in modo professionale (gestori di locali, professionisti della comunicazione, organizzatori di eventi etc) che amatoriale, semplicemente per approfondire le proprie personali conoscenze su vino e bevande. Il Coppiere era colui che nel '500 aveva funzioni di gestione della cantina e del servizio nei palazzi nobili e alle corti dei re, una sorta di Maestro di Casa che oggi rinasce grazie ad ASPI. I Mastro Coppiere saranno coinvolti in attività esclusive di formazione con il sostegno delle aziende sponsor. – tesseramento € 60 annui

- Socio - I Soci sono tutti coloro che frequentano i due corsi propedeutici per Sommelier, o che decidono di sostenere l’associazione. – tesseramento € 40 annui.